Calendario ebraico

In questa pagina potrai trovare tutte le informazioni sul calendario ebraico, tra cui i nomi dei suoi mesi confrontati con quelli del calendario gregoriano

All’interno dell’elenco dei vari calendari religiosi si trova il calendario ebraico, il quale sicalendario ebraico distingue per la sua complessità, soprattutto al momento di calcolare le date. Questo calendario è un calendario lunisolare, ossia che utilizza sia i movimenti del sole che quelli della luna attorno alla Terra per misurare il tempo.

Le fasi lunari nel calendario ebraico

Una delle principali particolarità del calendario ebraico è che si basa su un complesso algoritmo di calcoli matematici e astronomici. Grazie a questo sistema è possibile sapere le date esatte dei cambi lunari, così come le fasi lunari ee quando comiciano e finiscono le distinte stagioni dell’anno.

L’anno e i mesi nel calendario ebraico

L’anno ebraico include un ciclo completo delle quattro stagioni dell’anno e, inoltre, ha come particolarità il fatto che deve contare un numero esatto ddi mesi lunari. In questo modo, un anno nel calendario ebraico può essere costituito sia di 12 mesi (anno semplice) che 13 (anno bisestile).

nomi sei mesi del calendario ebraico traggono origine dall’anticaa Babilonia e, nonostante nel corso degli anni hanno avuto alcuni cambiamenti in epoche determinate, attualmente il calendario ebraico, è comosto dai seguenti mesi:

Nome del mese e durata Equivalente del calendario gregoriano
Tishrei, 30 giorni Tra settembre e ottobre
Jeshván (o Marjeshván), 29 o 30 giorni Ottobre o novembre
Kislev, 30 o 29 giorni Novembre o dicembre
Tevet, 29 giorni Dicembre o gennaio
Shevat, 30 giorni Gennaio o febbraio
Adar, 29 giorni Febbraio o marzo
Nisán (o Abib), 30 giorni Marzo o aprile
Iyar, 29 giorni aprile o maggio
Siván, 30 giorni Maggio o giugno
Tamuz, 29 giorni Giugno o luglio
Av, 30 giorni Luglio o agosto
Elul, 29 giorni Agosto o settembre